Studio Legale Scarpellini

Errori in Sala Operatoria: ottieni il giusto risarcimento danni!

Come insegna la storia della medicina, gli errori in sala operatoria sono frequenti e tanti sono gli episodi che possiamo citare. Errata somministrazione di farmaci e anestetico, amputazione dell’arto sbagliato, perforazione di organi, ritenzione di corpi estranei nel corpo del paziente, ecc….

Se anche tu temi di essere vittima di un errore in sala operatoria, continua a leggere questo post per sapere come ottenere nel più breve tempo possibile il giusto risarcimento danni per malasanità.

Identificare i Danni Risarcibili Dopo un Errore Chirurgico

Prima di vedere quali sono i danni risarcibili dopo un errore chirurgico, ci soffermiamo sui presupposti che devono essere necessariamente soddisfatti per poter inoltrare una domanda di risarcimento.

Il paziente deve aver subito un danno alla salute, deve esistere un nesso causale tra la condotta dell’operatore e il danno riportato e, in terzo luogo, il medico o la struttura sanitaria non possono dimostrare di aver correttamente assolto all’obbligazione sanitaria.

Ciò premesso, gli errori commessi in sala operatoria possono tradursi nel risarcimento di danni patrimoniali e non patrimoniali.

Danni patrimoniali

I danni patrimoniali risarcibili per errore chirurgico sono i seguenti.

  • Spese mediche aggiuntive: l’errore in sala operatoria può cagionare danni che, per essere riparati, richiedono ulteriori interventi, cicli di riabilitazione e terapie farmacologiche.
  • Perdita del reddito: l’errore commesso durante un’operazione può causare un’incapacità lavorativa, temporanea o permanente, da cui ne deriva una perdita di reddito.
  • Costi per assistenza a lungo termine: gli errori chirurgici possono causare disabilità permanenti che necessitano di assistenza a lungo termine come cure domiciliari e ricoveri in strutture specializzate.

Danni non patrimoniali

In breve, i principali danni non patrimoniali da errore chirurgico.

  • Danno Biologico: consiste nella lesione dell’integrità fisica o psichica del paziente da cui ne scaturiscono pregiudizi per le attività vitali che si traducono in alterata o ridotta capacità di relazionarsi con gli altri, svolgere il proprio lavoro, praticare sport, avere una vita sessuale soddisfacente ecc…
  • Danno Esistenziale: si inquadra in un cambiamento significativo nella vita del paziente e può configurarsi nel timore di sottoporsi a ulteriori interventi chirurgici, nel senso di impotenza e nella necessità di trovare un nuovo equilibrio.
  • Danno Estetico: include cicatrici permanenti e/o alterazione dell’estetica del paziente, fonti di disagio e imbarazzo. Ne consegue la perdita di autostima e la necessità di sottoporsi a interventi chirurgici correttivi o trattamenti estetici per riparare l’errore subito.
  • Danno Psicologico: abbraccia le conseguenze emotive e psicologiche dell’errore chirurgico e può tradursi in stress post-traumatico, ansia, stato depressivo, disturbo da stress post-operatorio e altri disordini mentali riconducibili all’errore chirurgico.
  • Danno da perdita parentale: emerge qualora l’errore chirurgico cagioni il  decesso del paziente. In tale contesto, i congiunti del cuius hanno diritto al risarcimento per il dolore emotivo, la perdita economica e il trauma scaturito dalla perdita di una persona cara.

Se sei vittima di un errore medico in sala operatoria, sappi che puoi far valere i tuoi diritti e ottenere un risarcimento danni.

Non perdere tempo, contatta l’Avvocato Scarpellini esperta in risarcimento danni malasanità a Milano e prenota, solo per oggi, una prima consulenza gratuita per raccontarle la tua storia

Importanza della Documentazione e delle Prove

In presenza di un ipotetico danno derivante da responsabilità medica, occorre raccogliere quanta più documentazione possibile a partire dalla cartella clinica che contiene tutte le informazioni relative al paziente e al ricovero per intervento chirurgico. Vediamo ora in breve come richiederla.

Come e chi può richiedere la cartella clinica

Ottenere copia della propria cartella clinica è un diritto di ogni paziente, ragion per cui le strutture sanitarie hanno l’obbligo di rilasciarla agli aventi diritto entro 30 giorni dalla richiesta.

Il modulo per richiedere la cartella clinica, generalmente disponibile sul sito web dell’ospedale, deve essere compilato in ogni sua parte e consegnato allo sportello dell’Ufficio Cartelle Cliniche della struttura o trasmesso al medesimo a mezzo e-mail o fax. I costi di segreteria, riproduzione ed eventuale invio della documentazione variano da struttura a struttura.

È importante ricordare che la cartella clinica può essere richiesta dal paziente e, nel caso di decesso, anche dai suoi eredi legittimi.

Se il soggetto vittima di malpractice è un minore, possono invece richiedere copia della cartella clinica, previa esibizione dello stato di famiglia, i genitori.

Procedure e Tempi per la Richiesta di Risarcimento

Se credi di essere stato vittima di un errore chirurgico o hai perso un familiare stretto a seguito di un intervento finito male, sappi che è tuo diritto essere risarcito.

Rivolgiti dunque, quanto prima, a un legale esperto in errori medici e risarcimento danni malasanità come l’Avvocato Scarpellini a Milano e chiedi una consulenza preliminare per accertare la sussistenza della contestazione.

Se dagli accertamenti emergesse la presenza di un errore in sala operatoria, potrai chiedere il risarcimento al medico che ha eseguito l’operazione, alla sua equipe e alla struttura dove si sono svolti i fatti.

Per quanto riguarda i tempi per risarcimenti danni malasanità, preferiamo non sbilanciarci.

Indubbiamente, le tempistiche non sono brevi anche perché il paziente deve dimostrare che:

  • il danno riportato è dovuto a un errore medico;
  • il medico e/o l’ospedale hanno agito in modo negligente o poco professionale.

A tal fine, è indispensabile produrre la documentazione medica e raccogliere testimonianze e prove atte a dimostrare la responsabilità del chirurgo o dell’ospedale.

Come Avviare la Procedura di Risarcimento

Accertato l’errore chirurgico mediante perizia medico-legale, è compito dell’avvocato inviare una lettera di diffida ai presunti responsabili esponendo i danni riportati dal paziente e la relativa richiesta risarcitoria.

In caso di ammissione di colpa, si aprono le trattative per definire la somma da liquidare alla parte lesa. In caso contrario, si instaura una causa vera e propria, ma non prima di aver percorso la strada obbligatoria della conciliazione.

Risarcimento per Danni Specifici

In caso di errori medici in sala operatoria, la prima cosa da farsi è dimostrare di aver riportato danni che possono, a loro volta, essere fisici, psicologici ed economici.

  • Danni fisici: comprendono lesioni o complicazioni fisiche che si verificano a seguito di un’operazione chirurgica sbagliata o non appropriata. Possono essere danni nervosi, amputazioni non necessarie o peggioramenti del proprio aspetto a seguito di errori in chirurgia plastica.
  • Danni psicologici: un errore medico, commesso in sala operatoria, può causare un trauma di natura psicologica con conseguente sviluppo di ansia, depressione o stress post-traumatico.
  • Danni economici: racchiudono le spese sostenute dal paziente a causa di un errore medico e possono includere costi per ulteriori trattamenti medici atti a riparare l’errore, perdita di reddito a causa dell’incapacità di lavorare e altre voci correlate.

Supporto Legale: Avvocato Scarpellini Specializzato in Malasanità

Se temi di essere vittima di un errore in sala operatoria, è fondamentale che tu non perda tempo e agisca quanto prima. Chiama subito l’Avvocato Scarpellini esperta in risarcimento danni malasanità a Milano e prenota solo per oggi una prima consulenza gratuita.

Come avrà modo di spiegarti Lei stessa, in questi casi è essenziale muoversi in tempi stretti per scongiurare il rischio prescrizione.

Hai 10 anni di tempo per far valere i tuoi diritti a decorrere dal momento in cui vieni a conoscenza, per esempio rivolgendoti a uno specialista, del fatto che la patologia di cui soffri è la conseguenza  di un errore chirurgico.

Raccogli, dunque, tutta la tua documentazione medica e richiedi, come sopra spiegato, la tua cartella clinica.

L’Avvocato Scarpellini potrà così valutare, grazie al contributo di esperti medici legali, se vi siano i presupposti per inoltrare una richiesta di risarcimento danni nei confronti di ospedale, assicurazione, chirurgo o altri medici coinvolti. Queste valutazioni preliminari sono indispensabili per offrire al paziente o ai suoi eredi un servizio trasparente e obiettivo. Non dimentichiamoci, infatti, che i tempi della giustizia sono spesso lunghi e le battaglie legali, oltre a essere estenuanti, sono anche gravose da un punto di vista economico.

Picture of Avv. Roberta Scarpellini

Avv. Roberta Scarpellini

L'Avvocato Roberta Scarpellini è specializzata nella negoziazione stragiudiziale e giudiziale per garantire il giusto risarcimento alle vittime di incidenti stradali con lesioni gravi, gravissime e mortali. È anche Presidente dell'Associazione NEVRA, che si focalizza sul riconoscimento medico-legale del danno neuropatico. Lo studio legale Scarpellini offre assistenza completa, dalla valutazione dei danni alla trattativa per il risarcimento, assicurando un'approfondita tutela legale e giuridica per i suoi assistiti.

Facebook
Twitter
LinkedIn

Altri articoli

Se ti è capitato di subire un incidente stradale sul lavoro o nel tragitto da e verso casa, devi sapere che, in questi casi, la legge ti riconosce delle tutele specifiche. Innanzitutto, avrai diritto ad un indennizzo per incidente stradale...

Gli incidenti stradali mortali sul lavoro sono più frequenti di quanto si pensi. Lo confermano le statistiche elaborate annualmente dall’INAIL (Istituto nazionale assicurazione infortuni sul lavoro). Si tratta di sinistri che avvengono durante l’orario di lavoro, come nel caso di...

Contattaci per una consulenza gratuita
Hai riportato lesioni personali gravi o gravissime?
Parlarci del tuo caso. Ti ascoltiamo subito

Compila il form e invia la richiesta. Verrai ricontattato al più presto.
Tutte le informazioni che ci fornirai saranno trattate con la massima riservatezza e quanto più saranno dettagliare tanto più ci permetteranno di darti da subito una consulenza mirata ed efficace.

Fissa un appuntamento telefonico: 02 40031477

Se preferisci chiama dalle 9.00 alle 13.00 o dalle 14.00 alle 18.00, per fissare un appuntamento telefonico.