Avvocato incidenti e sinistri stradali Studio Legale Scarpellini

Studio Legale Scarpellini

Avvocato per incidente stradale mortale: quando e come sceglierlo?

In caso di incidente stradale mortale non è sufficiente rivolgersi ad un legale che si occupa di infortunistica stradale, ma è indispensabile farsi seguire da un avvocato esperto in incidenti stradali mortali che tuteli gli interessi dei parenti della vittima.

Un avvocato specificatamente preparato garantisce la corretta gestione della richiesta di risarcimento assicurativo e della documentazione necessaria da produrre per attestare tutti i danni patrimoniali e non patrimoniali subiti dalla vittima e dai propri congiunti. Inoltre, qualora la fase stragiudiziale non dovesse andare a buon fine, un avvocato esperto può portare la controversia in giudizio eottenere soddisfazione per i propri assistiti.

È ciò che l’avv. Roberta Scarpellini e il suo studio legale fanno da anni, occupandosi in particolare di risarcimento dei danni da incidenti stradali mortali o lesioni gravi. Grazie all’esperienza maturata sul campo, lo studio legale Scarpellini è in grado di interfacciarsi al meglio con le compagnie assicurative e di rappresentare i propri assistiti in tutti i gradi di giudizio, al fine di ottenere il giusto risarcimento. L’Avv. Scarpellini è, infatti, specializzata nella negoziazione stragiudiziale per garantire il giusto risarcimento alle vittime con lesioni gravi e gravissime o danni neuropatici ed è Presidente dell’Associazione NEVRA che lotta da anni per il riconoscimento del danno neuropatico.

Come scegliere un avvocato in caso di incidente stradale mortale

La specializzazione è un elemento imprescindibile allorquando si deve scegliere un professionista che ci assista a seguito di un incidente stradale mortale. La scelta del legale deve ricadere su un avvocato non esperto soltanto di infortunistica stradale ma competente in indagini difensive. Per tale motivo la scelta non deve essere mai casuale, ma approfondita e meditata.

In Italia ci sono migliaia di avvocati generalisti che seguono anche pratiche di infortunistica stradale e, tra queste, in rari casi si riscontra un’effettiva esperienza in incidenti stradali mortali. È consigliato quindi scegliere uno studio legale specializzato in infortunistica stradale che possa provare competenza nei casi di risarcimento di danni a seguito di incidenti stradali mortali.

Una gestione lacunosa e imprecisa della pratica da parte di un legale improvvisato andrà a discapito degli assistiti, generando un aumento dei tempi e dei costi della procedura, con la conseguenza di ottenere risultati scarsi o di molto inferiori alle richieste.

Meglio rivolgersi ad uno studio legale di provata esperienza che può affrontare ogni risvolto giudiziario della vicenda.

Quando chiamare l’avvocato e come procedere

In caso di incidente stradale mortale, l’avvocato va coinvolto il prima possibile. Come, infatti, sottolineato dalla Corte di Cassazione il rapporto tra compagnia assicurativa e soggetto danneggiato è impari, in quanto non solo la prima gode di un potere economico e finanziario molto più forte, ma anche perché è tecnicamente e legalmente meglio organizzata per affrontare tutte le implicazioni che un incidente stradale mortale produce.

I parenti della vittima si trovano in una posizione di svantaggio e, per far valere i propri diritti, necessitano di un’assistenza professionale specifica, fin dalle prime fasi dopo l’incidente.

Prima di richiedere un risarcimento è necessario procedere alla ricostruzione della dinamica dell’incidente mortale, cercando di comprendere in maniera precisa quali siano state le cause che hanno portato al sinistro e, quindi, al decesso della persona (o delle persone).

La mancata partecipazione agli accertamenti tecnici, che sono irripetibili, e un’insufficiente cura nel seguire la fase delle indagini preliminari, può pregiudicare l’esito del procedimento e di conseguenza l’ottenimento di un congruo risarcimento. Infine, la valutazione dei danni patrimoniali e non patrimoniali conseguenti al sinistro non è semplice e necessita di grande esperienza e preparazione tecnica. L’assicurazione, infatti, risarcisce solo quanto richiesto ed è quindi indispensabile fornire adeguati elementi probatori del danno tramite allegazioni e mezzi di prova.

Compenso avvocato: a seguito di un incidente stradale mortale

La legge prevede che in caso di incidente mortale, chi ha causato il sinistro sia accusato di omicidio stradale. I congiunti potranno richiedere il risarcimento a chi viene riconosciuto colpevole del sinistro e alla compagnia assicurativa in un tribunale civile, o costituendosi parte civile nel corso del procedimento penale. Sarà, infatti, il tribunale penale a sancire o meno la colpa dell’imputato, mentre il tribunale civile determinerà l’ammontare del danno e, quindi, del pagamento dovuto ai congiunti da parte di chi ha provocato il sinistro, comprese le spese legali.

Può tuttavia accadere che la compagnia assicurativa di chi ha causato il sinistro offra in via transattiva un risarcimento danni ai parenti e che questi lo accettino, evitando di intraprendere un’azione civile. In questo caso di risoluzione stragiudiziale, la cifra versata dall’assicurazione a copertura delle spese legali potrebbe essere inferiore alla pattuizione tra i parenti della vittima e l’avvocato. Se così fosse, la differenza rispetto a quanto corrisposto dalla compagnia dovrà essere pagata dagli assistiti in forza della suddetta pattuizione.

Parcella dell’avvocato

È opportuno che i parenti della vittima e l’avvocato concordino preventivamente con un accordo scritto la cifra del compenso dovuto. La parcella spettante all’avvocato è determinata in funzione della complessità della controversia, della difficoltà e della lunghezza del procedimento penale e/o della causa civile. L’avvocato può chiedere acconti sia per le spese previste necessarie per intraprendere una causa civile sia per i suoi compensi, e ha diritto di ottenere il saldo del lavoro svolto anche se è negativo l’esito della causa penale o civile o se rinuncia legittimamente al mandato per contrasti con il danneggiato o se il mandato viene revocato.

Perché rivolgersi ad uno studio legale esperto in incidenti stradali mortali

Uno studio legale specializzato in incidenti stradali mortali è il solo che può offrire tutta l’assistenza necessaria per ottenere il giusto risarcimento del danno subito ai congiunti di una vittima della strada. Un incidente stradale mortale non può, infatti, essere trattato come un comune incidente stradale, ma necessita della competenza di uno studio legale specializzato in questa tipologia di sinistri, requisito che lo studio legale Scarpellini è in grado di garantire in tutte le fasi, grazie alla specifica esperienza maturata in diversi anni di attività.

Altri articoli

Facebook
Twitter
LinkedIn

Hai riportato lesioni personali gravi o gravissime?
Parlarci del tuo caso. Ti ascoltiamo subito

Prenota una videochiamata gratuita di 30 minuti con l’avvocato Scarpellini

Compila il form e invia la richiesta. Verrai ricontattato al più presto per fissare la consulenza gratuita.

Tutte le informazioni che ci fornirai saranno trattate con la massima riservatezza e quanto più saranno dettagliare tanto più ci permetteranno di darti da subito una consulenza mirata ed efficace.

Fissa un appuntamento allo 02/40031477

Se preferisci puoi telefonare direttamente in Studio dalle 9.00 alle 13.00 o dalle 14.00 alle 18.00, per fissare un appuntamento con l'avvocato Scarpellini.