Avvocato incidenti e sinistri stradali Studio Legale Scarpellini

Studio Legale Scarpellini

Incidente stradale mortale: risarcimento civile e processo penale

Gestire le conseguenze di un incidente stradale mortale e far valere i propri diritti come parenti della vittima richiede grande lucidità e competenza.

Per tale motivo è indispensabile l’intervento di un esperto in risarcimenti di incidenti stradali mortali fin dalle prime ore dopo il sinistro.

La mancata partecipazione agli accertamenti tecnici, di fatto irripetibili, può pregiudicare l’esito del procedimento e l’ottenimento del risarcimento.

La presenza di un avvocato è cruciale, anche nella scelta di costituirsi parte civile nel giudizio penale o avviare un autonomo giudizio in sede civile.

Come comportarsi sul posto in caso di un incidente stradale

Se si è coinvolti in un incidente stradale mortale, la prima cosa da fare è chiamare i soccorsi: ambulanza, Polizia o Carabinieri. Non vanno spostati i mezzi coinvolti e soprattutto, non si deve muovere l’infortunato, a meno che non si abbiano specifiche competenze mediche. Per avvertire gli altri automobilisti, occorre apporre il triangolo alla dovuta distanza. Se le condizioni di salute lo permettono, si consiglia di scattare delle foto e raccogliere le generalità degli eventuali testimoni.

Ciò consentirà alle forze dell’ordine di ricostruire successivamente la dinamica dell’incidente e stabilire le responsabilità rispetto a quanto accaduto. La dichiarazione prestata alla Polizia o ai Carabinieri ha valore di prova e, nel caso, ci si trovi in stato di shock o confusionale è meglio farlo presente alle forze dell’ordine e rispondere alle domande in un secondo momento.

Auto coinvolte in un incidente stradale mortale

Qualora la propria auto sia coinvolta in un incidente stradale mortale, è probabile che l’autorità giudiziaria ne disporrà il sequestro insieme agli altri mezzi interessati dal sinistro.

Una volta restituita, per ripararla o rottamarla occorre attendere cinque giorni dalla data in cui la compagnia di assicurazioni è stata invitata – con raccomandata a/r o a mezzo Pec (posta elettronica certificata) – ad effettuare la perizia del veicolo. E’, inoltre, necessario produrre le foto dei danni e un preventivo dettagliato del carrozziere ai fini dell’eventuale risarcimento.

Morte di un parente in un incidente stradale

Generalmente in caso di incidente stradale mortale, l’autorità giudiziaria dispone l’autopsia per stabilire le cause del decesso e il nesso tra l’incidente e la morte della/e vittima/e.

Prima di procedere, i congiunti più stretti del deceduto saranno convocati per riconoscere il corpo.

In questa fase i parenti della vittima, ai sensi dell’art. 360 c.p.p (codice di procedura penale), hanno il diritto di nominare un medico legale di fiducia che assiste all’autopsia e agli ulteriori esami ed accertamenti.

Si tratta di esami irripetibili rispetto ai quali la nomina di un professionista di fiducia ha lo scopo di garantire l’interesse dei parenti ed evitare che la controparte possa eventualmente alterare a proprio favore il risultato dell’intervento del patologo.

Risarcimento del danno parentale in seguito ad un incidente mortale

I familiari della vittima hanno il diritto di chiedere un risarcimento per danno da perdita dei rapporti parentali che varia a seconda di alcuni fattori, tra i quali: il grado di parentela; l’età della vittima e del superstite; la convivenza o meno con la vittima; il numero dei componenti della famiglia.

Rispetto al grado di parentela per richiedere il risarcimento, la giurisprudenza si è espressa favorevolmente ad un compenso al coniuge (o compagno di fatto), ai genitori, ai figli, a fratelli e sorelle e, in alcuni casi, anche ai nonni.

In sede processuale, il giudice può riconoscere il danno da perdita del rapporto parentale anche a soggetti diversi, a condizione che venga fornita la prova di un intenso legame affettivo e di un reale sconvolgimento di vita a seguito della morte del congiunto.

Cosa devono provare i parenti della vittima di un incidente stradale

Al fine di ottenere il risarcimento, oltre al legame con la persona deceduta, i congiunti dovranno provare il nesso tra causa ed effetto, ovvero che la morte sia sopraggiunta per l’incidente provocato per una manovra azzardata o il mancato rispetto delle norme della strada da parte dell’altro conducente o dalla mancata manutenzione di infrastrutture o manto stradale (es. crollo di un cavalcavia, buca stradale, …).

Inoltre, occorrerà dimostrare il danno da lucro cessante, ovvero il ruolo economico della vittima nel mantenimento della famiglia sul bilancio familiare.

Risarcimento di un incidente stradale mortale: come calcolare il danno

Per la liquidazione del danno derivante da perdita del rapporto parentale, si tiene conto dei criteri orientativi elaborati dalla giurisprudenza, in particolare delle tabelle dei Tribunali di Roma e Milano.

Le tabelle contemplano parametri consistenti in valori monetari standardizzati, in modo da consentireuna liquidazione del danno in maniera quanto più oggettiva. A seguito di specifici pronunciamenti della Corte di Cassazione, la Tabella del Tribunale di Milano è considerata la più affidabile e, di conseguenza, è attualmente quella maggiormente utilizzata in tutta Italia.

Incidente stradale mortale: rapporto tra processo penale e processo civile

Nel caso di incidente stradale mortale, o che provochi lesioni gravi o gravissime ad altri soggetti, deriva una responsabilità penale in capo al conducente che ha provocato il sinistro per la quale si avvia un procedimento penale. Ciò non preclude la possibilità per i parenti della vittima di agire per ottenere il risarcimento dei danni subiti con un’azione civile.

Per aiutarci a comprendere come convivano le due azioni, ci viene incontro l’art 74 c.p.p., il quale prevede che l’azione civile per le restituzioni e il risarcimento del danno di cui all’art. 185 del Codice penale possa essere esercitata nel processo penale dai successori universali del soggetto deceduto, nei confronti dell’imputato e del responsabile civile, consentendo quindi di avanzare richiesta risarcitoria direttamente in sede penale. I parenti del danneggiato possono costituirsi parte civile nel processo penale solo dopo l’udienza preliminare ma prima degli atti introduttivi del dibattimento: una volta aperto il dibattimento non è più possibile intervenire nel processo penale per avanzare la propria pretesa risarcitoria.

L’art. 468 c.p.p. prevede, inoltre, che qualora le parti intendano chiedere l’esame di testimoni, periti o consulenti tecnici, devono depositare in cancelleria, almeno sette giorni prima della data fissata per il dibattimento, la lista con l’indicazione delle circostanze a cui deve riferirsi l’esame.

Coesistenza dei processi civile e penale in caso di incidente stradale mortale

Nell’ordinamento processuale vigente è quindi offerta ai parenti della vittima la possibilità di scegliere se agire in sede civile o penale. Nel caso in cui vengano a coesistere due giudizi aventi ad oggetto lo stesso incidente stradale, il coordinamento tra gli stessi è disciplinato dall’art. 75 c.p.p. che prevede la possibilità di trasferire l’azione civile nel processo penale fino a quando in sede civile non sia stata pronunciata una sentenza di merito, anche non passata in giudicato.

L’esercizio di tale facoltà comporta però la rinuncia degli atti del giudizio e il giudice civile dovrà dichiarare l’estinzione del processo, senza che sia necessario il consenso della controparte. Se l’azione civile non è trasferita nel processo penale o è stata iniziata quando non è più ammessa costituzione di parte civile, l’azione risarcitoria prosegue in sede civile. Se, infine, l’azione è proposta in sede civile nei confronti dell’imputato dopo la costituzione di parte civile nel processo penale o dopo la sentenza penale di primo grado, il processo civile è sospeso fino alla pronuncia della sentenza penale definitiva.

Differenze tra processo penale e processo civile in caso di incidente stradale mortale

Oltre a perseguire un obiettivo diverso, i due procedimenti variano anche rispetto ai tempi. Nel giudizio penale occorre attendere l’esito delle indagini del pubblico ministero prima di potersi costituire parte civile e, nello specifico, la notifica del decreto di citazione in giudizio.

Anche i tempi di prescrizione sono diversi, dovendosi rispettare in caso di costituzione di parte civile nel processo penale i termini di prescrizione propri del reato. Infine, può succedere che il giudizio penale si concluda con una generica condanna in capo al responsabile del sinistro in merito al risarcimento del danno, dovendosi poi rimettere al giudice civile per la quantificazione dello stesso.

Le numerose e complesse implicazioni processuali a seguito di un incidente stradale mortale rendono pertanto indispensabile l’assistenza di un legale esperto che possa tutelare i diritti dei parenti della vittima.

Altri articoli

Monopattini elettrici. Poche regole per muoversi in modo sicuro ed ecosostenibile

Monopattini elettrici. Poche regole per muoversi in modo sicuro.

Facciamo chiarezza su questi utili mezzi di micro mobilità a zero emissioni sempre più diffusi in tutte le città. A Milano sono solo più di 3.750 in sharing, senza contare i monopattini acquistati dai cittadini da quando nel 2019 sono stati equiparati alle biciclette. Scopriamo insieme come utilizzarli in modo corretto e non rischiare di rimanere coinvolti in incidenti stradali.

Leggi l'articolo
Facebook
Twitter
LinkedIn

Hai riportato lesioni personali gravi o gravissime?
Parlarci del tuo caso. Ti ascoltiamo subito

Prenota una videochiamata gratuita di 30 minuti con l’avvocato Scarpellini

Compila il form e invia la richiesta. Verrai ricontattato al più presto per fissare la consulenza gratuita.

Tutte le informazioni che ci fornirai saranno trattate con la massima riservatezza e quanto più saranno dettagliare tanto più ci permetteranno di darti da subito una consulenza mirata ed efficace.

Fissa un appuntamento allo 02/40031477

Se preferisci puoi telefonare direttamente in Studio dalle 9.00 alle 13.00 o dalle 14.00 alle 18.00, per fissare un appuntamento con l'avvocato Scarpellini.