Studio Legale Scarpellini

Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada: come funziona?

La copertura assicurativa è obbligatoria per chi possiede un autoveicolo ed è nata proprio per permettere a chi ha subito un incidente stradale di ricevere il risarcimento per danni patrimoniali e non patrimoniali.

Basta leggere i fatti di cronaca per rendersi conto che ci sono ancora troppi incidenti che coinvolgono veicoli non assicurati o che vengono provocati da pirati della strada che fuggono dopo il sinistro. Situazioni che rendono impossibile la richiesta di risarcimento dei danni da parte delle vittime. Fortunatamente, il trend è in calo, ma il rischio è sempre presente.

Per evitare che le vittime di un sinistro stradale restino prive di risarcimento, il legislatore ha istituito il Fondo di garanzia per le vittime della strada (costituito da una parte dei premi che annualmente sono versati alle assicurazioni).

L’avvocato Roberta Scarpellini e il suo studio legale si occupano da anni di risarcimento dei danni da incidenti stradali mortali o che hanno provocato lesioni gravi e gravissime e sono in grado di tutelare i propri assistiti anche presso il Fondo di garanzia per le vittime della strada. Oltre ad essere un’esperta in materia di incidenti stradali mortali, l’avvocato Scarpellini ha anche fondato l’Associazione NEVRA per il riconoscimento del danno neuropatico, di cui è Presidente.

Sei vittima di un pirata della strada?

Lo studio legale Scarpellini ha maturato una specifica competenza nelle richieste di risarcimento da parte delle vittime della strada e ti darà tutte le informazioni utili per far valere il tuo diritto.

Cos’è il Fondo di garanzia per le vittime della strada?

Il Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada (FGVS) è un organismo di indennizzo istituito con la legge n° 990 del 1969 (che è stata abrogata dal Codice delle Assicurazioni Private), operativo a partire dal 12 giugno 1971. È amministrato dalla Consap, la concessionaria dei servizi assicurativi pubblicisotto la vigilanza del Ministero per lo Sviluppo Economico (Mise), con l’assistenza di un comitato composto dai rappresentanti del Ministero dello Sviluppo Economico, del Ministero dell’Economia e delle Finanze, della Consap, dell’Ivass, delle imprese di assicurazione e delle associazioni dei consumatori. L’Ivass, Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni, designa le imprese incaricate dell’istruttoria e liquidazione dei danni, con un provvedimento valido per un triennio.

Fondo vittime della strada: cosa copre?

Il Fondo di garanzia per le vittime della strada interviene coprendo il risarcimento dei danni a cose o a persone, quando l’incidente stradale è stato provocato da veicoli non assicurati o che non è stato possibile identificare (i cosiddetti pirati della strada), ma anche nei casi di veicoli posti in circolazione contro la volontà del proprietario (furto) o assicurati con compagnie in stato di liquidazione coatta o che vi vengano poste successivamente.

Il Fondo è finanziato con un prelievo del 2,5% circa sui premi delle polizze Rc Auto. Le imprese assicurative versano queste quote al Fondo che le incassa per coprire i danni da liquidare. Le imprese assicurative designate dall’IVASS hanno competenza territoriale, in base al luogo in cui è avvenuto il sinistro, e gestiscono la procedura di risarcimento e indennizzo come se il danneggiante fosse assicurato presso di loro, ottenendo poi il rimborso dal Fondo delle somme versate.

Fondo di garanzia per le vittime della strada: è obbligatorio o facoltativo?

Il Fondo interviene in alcuni casi specifici individuati dalle norme che regolano il suo funzionamento:

  • Per i sinistri causati da veicoli non identificati: solo per i danni alle persone, mentre il danno alle cose è subordinato alla contemporanea sussistenza di un danno grave alla persona (invalidità permanenti superiori al 9%). In questi casi, opera una franchigia di 500 euro al di sotto della quale il Fondo non risarcisce.
  • Per i sinistri causati da veicoli non assicurati: per i danni a persone e alle cose.
  • Per i veicoli assicurati con compagnie assicurative in liquidazione coatta amministrativa o in fallimento: per i danni alle persone e alle cose.
  • Veicoli posti in circolazione senza il permesso del proprietario che può dimostrarlo (ad esempio con la denuncia di furto presentata almeno 24 ore prima del sinistro): per i danni alle persone e alle cose.
  • Veicoli esteri con targa che non corrisponde al veicolo: per i danni alle persone e alle cose.
  • Veicoli esteri spediti in Italia da uno stato SEE (Paesi dell’Unione Europea, Islanda, Norvegia e Liechtenstein), quando l’incidente avviene entro i 30 giorni successivi all’accettazione della consegna dell’auto: per i danni alle persone e alle cose.

Come posso presentare la richiesta

Come posso presentare la richiesta di risarcimento

Sul sito Consap (www.consap.it), nella pagina Fondo di Garanzia per le vittime della strada, dopo avere specificato la tipologia di danno, la regione e la data di accadimento del sinistro, è possibile generare il relativo modulo PDF da compilare in ogni sua parte e spedire, insieme a tutti gli allegati, all’impresa assicuratrice designata e per conoscenza alla Consap.

Nella pagina del sito, denominata Elenchi Imprese, si trovano gli indirizzi delle imprese assicuratrici indicate dall’IVASS, responsabili per il territorio in cui è avvenuto il sinistro, alle quali è affidato l’incarico di provvedere alla liquidazione dei danni e al pagamento dei relativi importi in favore degli aventi diritto.

Dopo aver identificato la compagnia, la vittima dovrà denunciare il sinistro, mediante raccomandata con avviso di ricevimento, indicando quanti più dettagli è possibile.

La raccomandata deve essere inviata anche alla Consap, alla quale bisogna anche inviare i seguenti allegati:

  • Fotocopia della carta d’identità di chi fa la richiesta;
  • Documentazione che provi i danni subiti;
  • Qualsiasi documento supplementare (verbale delle forze dell’ordine; dichiarazione dei testimoni; denuncia di furto; referto del pronto soccorso).

Dopo l’invio della raccomandata la compagnia assicurativa ha 60 giorni per valutare la richiesta, liquidare il risarcimento o respingerlo. I tempi si allungano fino a 6 mesi se il veicolo era assicurato con una compagnia in liquidazione coatta amministrativa. Dopo il decorso dei suddetti termini, il danneggiato potrà agire in giudizio.

Fondo vittime della strada: quando non risarcisce?

Il Fondo di garanzia per le vittime della strada risarcisce il danno solo nelle ipotesi indicate nei paragrafi precedenti e se si rispetta la procedura prevista dalla legge.

Per ottenere il risarcimento occorre innanzitutto agire tempestivamente e inviare la raccomandata alla società assicuratrice territorialmente responsabile, fornendo adeguata prova delle circostanze che giustificano il ristoro del pregiudizio patito.

Quali sono i tempi di risarcimento?

Il tempo di prescrizione oltre il quale non è più possibile esercitare il diritto al risarcimento varia in base alla gravità dei danni riportati. In particolare, la domanda per accedere al Fondo di garanzia per le vittime della strada va inoltrata alla Consap entro 2 anni dal sinistro nel caso di incidente con lesioni a persone o cose, 10 anni nel caso di incidente con decesso.

Quanto paga e risarcisce il fondo delle vittime della strada?

Come una normale assicurazione, il Fondo di garanzia per le vittime della strada garantisce il risarcimento entro un determinato massimale: dall’11 giugno 2022 € 6.450.000,00 nel caso di danni alle persone, per sinistro; €1.300.000,00 nel caso di danni alle cose, per sinistro.

L’azione di regresso del Fondo vittime della strada contro il danneggiante non assicurato

Il danneggiante che ha provocato il sinistro senza essere assicurato va incontro all’azione di regresso da parte del Fondo di garanzia per le vittime della strada. Ciò significa che sarà chiamato a rimborsare al fondo l’importo pagato al danneggiato. Il termine prescrizionale entro il quale l’azione di rivalsa va esercitata nei confronti del responsabile del sinistro, per il recupero del risarcimento corrisposto al danneggiato, è decennale ex art. 2946 c.c.

Richieste al Fondo vittime della strada: affidati allo studio Scarpellini

Il Fondo di garanzia per le vittime della strada opera, quindi, come una normale compagnia di assicurazione. Questo significa che i risarcimenti possono andare da pochi euro fino a centinaia di migliaia di euro in caso di gravi lesioni, invalidità permanenti o sinistri mortali. È quanto più raccomandato farsi seguire da un avvocato competente in questo genere di incidenti stradali.

Vuoi ottenere il risarcimento dal Fondo per le vittime della strada?

Lo studio legale Scarpellini presta assistenza alle vittime di incidenti stradali al fine di ottenere il giusto risarcimento dei danni patrimoniali e non patrimoniali. Grazie all’esperienza maturata sul campo, siamo in grado di tutelare i nostri assistiti nei rapporti con il Fondo di garanzia per le vittime della strada.

Picture of Avv. Roberta Scarpellini

Avv. Roberta Scarpellini

L'Avvocato Roberta Scarpellini è specializzata nella negoziazione stragiudiziale e giudiziale per garantire il giusto risarcimento alle vittime di incidenti stradali con lesioni gravi, gravissime e mortali. È anche Presidente dell'Associazione NEVRA, che si focalizza sul riconoscimento medico-legale del danno neuropatico. Lo studio legale Scarpellini offre assistenza completa, dalla valutazione dei danni alla trattativa per il risarcimento, assicurando un'approfondita tutela legale e giuridica per i suoi assistiti.

Facebook
Twitter
LinkedIn

Altri articoli

Gli incidenti stradali mortali sul lavoro sono più frequenti di quanto si pensi. Lo confermano le statistiche elaborate annualmente dall’INAIL (Istituto nazionale assicurazione infortuni sul lavoro). Si tratta di sinistri che avvengono durante l’orario di lavoro, come nel caso di...

Gli errori in chirurgia plastica possono arrecare gravi danni ai pazienti e peggiorarne la qualità di vita. I casi più frequenti si verificano nel corso di interventi chirurgici di mastoplastica additiva e riduttiva, rinosettoplastica, addominoplastica e operazioni di plastica del...

Contattaci per una consulenza gratuita
Hai riportato lesioni personali gravi o gravissime?
Parlarci del tuo caso. Ti ascoltiamo subito

Compila il form e invia la richiesta. Verrai ricontattato al più presto.
Tutte le informazioni che ci fornirai saranno trattate con la massima riservatezza e quanto più saranno dettagliare tanto più ci permetteranno di darti da subito una consulenza mirata ed efficace.

Fissa un appuntamento telefonico: 02 40031477

Se preferisci chiama dalle 9.00 alle 13.00 o dalle 14.00 alle 18.00, per fissare un appuntamento telefonico.