Studio Legale Scarpellini

Risarcimento Parenti per Vittime di Incidente Stradale Mortale

Le leggi in materia di risarcimento danni da incidente stradale mortale riconoscono il diritto al risarcimento ai parenti della vittima, non solo ai familiari conviventi, ma anche a coloro che dimostrano l’esistenza di un vincolo affettivo con il deceduto. 

Hai perso un familiare in un incidente stradale?

Lo studio legale Scarpellini ha maturato una specifica competenza nell’assistenza legale ai parenti delle vittime della strada e ti darà tutte le informazioni utili.

Diritto al risarcimento per i parenti delle vittime di incidenti stradali

parenti della vittima di un sinistro stradale che è morta o ha riportato delle macro-lesioni, possono chiedere il risarcimento danni, ma hanno l’onere di provare in concreto l’esistenza di rapporti costanti e caratterizzati da reciproco affetto e solidarietà con il familiare deceduto.

Secondo una recente giurisprudenza, l’individuazione dei soggetti a cui riconoscere il risarcimento può prescindere sia dal rapporto di stretta parentela, sia dal rapporto di convivenza, se viene provata la concreta esistenza della relazione affettiva.

Tipologie di danni risarcibili ai prossimi congiunti

Il risarcimento riconosciuto ai familiari della vittima copre il danno patrimoniale sia per le spese post-mortem, quali quelle burocratiche e funerarie (danno emergente), sia per il venir meno di un eventuale sostentamento economico garantito dalla vittima primaria alla vittima secondaria (lucro cessante).

Il risarcimento del danno non patrimoniale riguarda, invece, la sofferenza conseguente alla perdita della persona con la quale c’era un rapporto affettivo. È chiamato danno da perdita del rapporto parentale e si riferisce al pregiudizio morale e dinamico relazionale patito dai sopravvissuti. Non è immediatamente accertabile in termini monetari, ma richiede una valutazione da parte del giudice che, in funzione della durata e dell’intensità del legame interpersonale, ne liquiderà l’ammontare mediante il ricorso a criteri equitativi a norma degli artt. 1226 e 2056 c.c.

Il ruolo dell’assicurazione nel risarcimento dei parenti danneggiati

La giurisprudenza della Corte di Cassazione ha più volte confermato che, in caso di incidenti stradali mortali, l’assicurazione è tenuta a risarcire anche i parenti della persona deceduta, in quanto la persona danneggiata non è da intendersi solo come la vittima diretta dell’incidente, ma anche i congiunti e gli aventi causa.

In considerazione del fatto che il sinistro mortale ha come conseguenza l’attivazione del procedimento penale, l’articolo 360 del Codice di procedura penale riconosce ai parenti della vittima la facoltà di nominare i propri consulenti di parte, affinché partecipino all’autopsia che è un esame irripetibile e alla ricostruzione cinematica del sinistro, indispensabile per stabilire la dinamica dell’incidente e il nesso causale tra l’incidente e il decesso.

L’intervento di un legale sarà, inoltre, necessario per attivare la trattativa con la compagnia di assicurazioni della controparte, al fine di ottenere il risarcimento.

Calcolo del risarcimento per la morte di un parente in un incidente stradale

Per calcolare il risarcimento per la morte di un parente si fa riferimento all’ultima edizione delle tabelle milanesi. La forbice prevista fino al 2021 andava da 168.250 a 336.500 euro. Nel 2022 le tabelle stabiliscono un “valore punto” di 3.365 euro (uguale a 336.500:100).

Quantificazione economica del risarcimento da danno morale

Per la liquidazione in caso di perdita di genitorefiglioconiuge o assimilati, è possibile attribuire fino a 118 punti, rimanendo sempre all’interno della soglia di 336.500 euro.

Per distribuire i punti occorre tenere in considerazione i seguenti parametri:

  1. età della vittima – fino a 28 punti per danno patrimoniale presumibile (sofferenza interiore e dinamico-relazionale)
  2. età dei sopravvissuti – fino a 28 punti
  3. convivenza – fino a 16 punti per danno non patrimoniale presumibile se la vittima e/i sopravvissuti convivevano; 8 punti se la vittima e il sopravvissuto che non convivevano, abitavano nello stesso palazzo o condominio
  4. sopravvivenza di altri congiunti – fino a 16 punti
  5. qualità e intensità della relazione affettiva – fino a 30 punti

Dalla somma dei punti si ottiene l’ammontare che non può comunque essere superiore a 336.500 euro, salvo in casi in cui ci siano circostanze eccezionali.

Nel caso in cui ci fossero contrasti tra la vittima e il parente, controversie giudiziarie, attivi di violenza o reati, l’importo del risarcimento potrà subire una riduzione e, al limite, non essere riconosciuto.

Se la vittima è un fratello o un nipote, il numero dei punti che si possono attribuire è 116, per un importo massimo di 146.120 euro.

Strategie e tempi per ottenere il risarcimento ai familiari della vittima

I tempi per ottenere il risarcimento del danno dipendono da una molteplicità di variabili, di cui la principale è la durata delle indagini preliminari, all’interno del procedimento penale che inizia in seguito al sinistro. In media questa prima fase dura circa sei mesi.

In funzione dell’esito delle indagini preliminari, l’assicurazione formulerà un’offerta risarcitoria. Maggiori saranno gli elementi probatori che dimostrano la responsabilità di chi ha causato l’incidente, maggiore sarà la possibilità da parte dei parenti della vittima di ottenere un congruo risarcimento. È per questo fondamentale la presenza di un legale esperto che tratti con l’assicurazione.

Se nella fase delle indagini non sono emersi elementi solidi, i tempi per il raggiungimento di un accordo con la compagnia assicurativa possono dilatarsi. La cifra più bassa offerta dall’assicurazione potrà essere accettata dagli aventi diritto come acconto per poi continuare l’azione risarcitoria, costituendosi parte civile nel processo penale che può durare anni.

Diritti dei genitori al risarcimento del danno per la morte del figlio in un incidente stradale

Una recente sentenza della Corte d’Appello di Bari del 10 novembre 2022, n. 1635, ha stabilito che il danno per la perdita del figlio non può ritenersi minimo per il fatto che il padre sopravvissuto abbia inizialmente abbandonato il figlio avvicinandosi a quest’ultimo durante l’adolescenza. Il riconoscimento di un minore risarcimento per il padre comporterebbe di fatto la svalutazione del perdono filiale e rappresenterebbe un’ingerenza nella vita personale degli interessati da ritenersi indebita secondo gli artt. 3 e 29 della Costituzione e 8 Convenzione EDU, ma anche dall’art. 1 della Legge 184/83 (come modificato dalla legge 28.3.2001, n. 149) che afferma il diritto del minore di crescere ed essere educato nell’ambito della propria famiglia, diritto che non può essere ostacolato dalle condizioni di indigenza dei genitori che possono riguardare non soltanto l’aspetto materiale, ma anche quello sociale ed esistenziale.

Sei genitore di una vittima della strada?

Lo studio legale Scarpellini assiste da diversi anni le vittime della strada per l’ottenimento di un giusto risarcimento.

Picture of Avv. Roberta Scarpellini

Avv. Roberta Scarpellini

L'Avvocato Roberta Scarpellini è specializzata nella negoziazione stragiudiziale e giudiziale per garantire il giusto risarcimento alle vittime di incidenti stradali con lesioni gravi, gravissime e mortali. È anche Presidente dell'Associazione NEVRA, che si focalizza sul riconoscimento medico-legale del danno neuropatico. Lo studio legale Scarpellini offre assistenza completa, dalla valutazione dei danni alla trattativa per il risarcimento, assicurando un'approfondita tutela legale e giuridica per i suoi assistiti.

Facebook
Twitter
LinkedIn

Altri articoli

Gli incidenti stradali mortali sul lavoro sono più frequenti di quanto si pensi. Lo confermano le statistiche elaborate annualmente dall’INAIL (Istituto nazionale assicurazione infortuni sul lavoro). Si tratta di sinistri che avvengono durante l’orario di lavoro, come nel caso di...

Gli errori in chirurgia plastica possono arrecare gravi danni ai pazienti e peggiorarne la qualità di vita. I casi più frequenti si verificano nel corso di interventi chirurgici di mastoplastica additiva e riduttiva, rinosettoplastica, addominoplastica e operazioni di plastica del...

Contattaci per una consulenza gratuita
Hai riportato lesioni personali gravi o gravissime?
Parlarci del tuo caso. Ti ascoltiamo subito

Compila il form e invia la richiesta. Verrai ricontattato al più presto.
Tutte le informazioni che ci fornirai saranno trattate con la massima riservatezza e quanto più saranno dettagliare tanto più ci permetteranno di darti da subito una consulenza mirata ed efficace.

Fissa un appuntamento telefonico: 02 40031477

Se preferisci chiama dalle 9.00 alle 13.00 o dalle 14.00 alle 18.00, per fissare un appuntamento telefonico.