Studio Legale Scarpellini

Risarcimento Morte Fratello Incidente Stradale: come comportarsi?

In caso di incidente stradale mortale, i fratelli e le sorelle della vittima hanno il diritto a richiedere il risarcimento dei danni patrimoniali e non patrimoniali patiti a causa del sinistro.  

Rivolgiti a noi di Studio Scarpellini, siamo avvocati specializzati in incidenti stradali mortali e gravi con l’obbiettivo di farti ottenere il giusto supporto legale e risarcimento danni.

Il risarcimento non è necessariamente uguale per tutti, ma varia in considerazione di diversi fattori, tra i quali l’intensità del rapporto affettivo e della sofferenza psichica e interiore provocata dall’evento mortale.

Incidenti stradali mortali: diritto al risarcimento per i fratelli

Nel quantificare l’entità del risarcimento per i fratelli della vittima va innanzitutto considerata l’età della vittima e del fratello superstite. Incide, inoltre, l’esistenza di un legame d’affetto attestato, ad esempio, dalla convivenza con il de cuius oltre che da un legame economico preesistente

Hai perso un fratello in un incidente stradale?

Lo studio legale Scarpellini ha maturato una specifica competenza nell’assistenza legale ai parenti delle vittime della strada e ti darà tutte le informazioni utili.

Danno da perdita del rapporto parentale dei fratelli 

Il danno da perdita del rapporto parentale è un danno non patrimoniale che può essere definito come il pregiudizio subito dai fratelli sotto un duplice profilo: morale, ovvero la sofferenza psichica interiore che questi sono costretti a sopportare a causa dell’impossibilità di proseguire il proprio rapporto familiare, e dinamico-relazionale, come sconvolgimento che incide sull’esistenza dei sopravvissuti.

L’entità del pregiudizio subito non è immediatamente quantificabile in termini monetari, ma richiede un accertamento da parte del giudice che deve valutare la durata e l’intensità del legame interpersonale intercorrente tra la vittima e i fratelli e il tipo di rottura della relazione che, nel caso di incidente stradale mortale, è violenta e improvvisa.

Calcolo del risarcimento per la morte di un parente in un incidente stradale

In assenza di parametri oggettivi per misurare il suo preciso ammontare, il danno da perdita del rapporto parentale si può liquidare mediante il ricorso a criteri equitativi a norma degli artt. 1226 e 2056 c.c.

Nel corso degli anni diversi tribunali hanno predisposto delle tabelle con lo scopo di garantire la prevedibilità e uniformità delle liquidazioni giudiziali su tutto il territorio nazionale, impedendo che casi simili siano liquidati in modi differenti. Tra queste, quelle maggiormente usate sono le tabelle del Tribunale di Roma e le tabelle del Tribunale di Milano.  Se le tabelle milanesi per la liquidazione del danno biologico hanno ormai da tempo assunto un valore para normativo, quelle per la liquidazione del danno parentale hanno avuto fortune alterne e ciò a causa di un sistema a forbice che dava, di fatto, un’eccessiva discrezionalità di giudizio in casi analoghi.

Nel 2022, in seguito alle pronunce della Corte di Cassazione (Cass. 33005/2021; Cass. 10579/2021; Cass. 26300/2021), l’Osservatorio sulla Giustizia civile di Milano ha integrato le tabelle meneghine, prevedendo nuovi criteri orientativi a punti per la liquidazione del danno non patrimoniale derivante da perdita del rapporto parentale.

Fattori determinanti nel risarcimento dei fratelli: età e convivenza

Per quanto riguarda l’età, le tabelle tendono ad attribuire un risarcimento superiore ai fratelli più giovani, mentre il fratello convivente ha diritto ad un importo maggiore rispetto ai fratelli non conviventi. Lo stesso avviene per la coabitazione, in cui i legami con la vittima si presumono più stretti rispetto al caso in cui i fratelli risiedano in due abitazioni diverse. 

Incidenza della presenza di altri familiari sul risarcimento

Il risarcimento del danno per la morte di un fratello in un incidente stradale diminuisce con la presenza di altri familiari sopravvissuti. In questo caso si presume che l’esistenza di altri familiari possa rendere meno insopportabile la mancanza affettiva e la sofferenza psicologica per la perdita del proprio caro. Nel caso in cui il fratello morto sia l’ultimo familiare ancora vivente, ci sarà un risarcimento più alto, mentre scenderà se la famiglia sopravvissuta è più numerosa.

Risarcimento per i gemelli in caso di incidente mortale

Se la vittima ha uno o più fratelli gemelli, questi ultimi hanno diritto ad una valutazione particolareggiata in sede di calcolo del risarcimento, in virtù del fatto che il legame affettivo tra gemelli è scientificamente provato come più forte e intenso. 

Quantificazione del risarcimento per i fratelli in seguito a incidente mortale

Le  tabelle milanesi del 2021 prevedevano un sistema con una forbice da 24.350,00 euro a 146.120,00 euro per il risarcimento dei fratelli, mentre le tabelle del 2022 stabiliscono un valore punto di 1.461,20 euro che è stato ottenuto dividendo per cento l’importo massimo previsto dalle tabelle del 2021.

Si possono attribuire fino a 116 punti tenendo conto dei seguenti parametri: 

  • età della vittima: fino a un massimo 20 punti per danno non patrimoniale presumibile (sofferenza interiore e dinamico-relazionale).
  • età della vittima secondaria: fino a un massimo di 20 punti, come sopra.
  • convivenza: 20 punti per danno non patrimoniale presumibile (sofferenza interiore e dinamico relazionale) se le due vittime convivevano; 8 punti se le due vittime, benché non conviventi, abitavano nello stesso stabile o complesso condominiale; 25 punti nel caso di convivenza per oltre 30 anni tra la vittima primaria e quella secondaria; 30 punti nel caso di convivenza per oltre 40 anni tra la vittima primaria e quella secondaria.
  • sopravvivenza di altro congiunto al de cuiusfino a 16 punti per danno non patrimoniale presumibile (sofferenza interiore e dinamico relazionale).
  • qualità e intensità della relazione affettiva: sino a 30 punti. In questo caso bisogna considerare alcuni aspetti, tra i quali: le frequentazioni e i contatti tra le parti (di persona, telefonici o telematici); la condivisione di festività, vacanze, lavoro, hobby o sport; l’attività di assistenza sanitaria e domestica.

Il totale monetario non può essere superiore a 146.120,00 euro, fatta salva la ricorrenza di circostanze eccezionali. L’eventuale presenza di contrasti, controversie giudiziarie, violenze o reati commessi tra la vittima e i propri fratelli possono ridurre e, addirittura, azzerare l’importo del risarcimento.

Danno patrimoniale dei fratelli: lucro cessante e danno emergente

Può succedere che la vittima mantenesse in tutto o in parte uno o più fratelli privi di reddito da lavoro o da rendita. In questo caso, i fratelli in questione hanno diritto al risarcimento del danno patrimoniale (lucro cessante) quantificato in base alla perdita economica annuale, moltiplicata per la vita media di un essere umano.

Inoltre, se i fratelli della vittima hanno sostenuto delle spese mediche, funerarie o altri costi, dopo la morte di un congiunto, hanno diritto al risarcimento (danno emergente).

Inoltre, se un fratello o una sorella, a seguito della morte del congiunto a causa di un sinistro mortale, hanno sostenuto spese mediche, funerarie o altri esborsi collegati al decesso del congiunto, hanno diritto ad essere risarciti (danno emergente).

Morte fratello in un incidente stradale: affidati allo studio Scarpellini

Se hai perso un fratello in un incidente stradale rivolgiti a un avvocato esperto che ha maturato una pluriennale esperienza in questa tipologia di sinistri.

Sei fratello di una vittima della strada?

Lo studio legale Scarpellini assiste da diversi anni le vittime della strada per l’ottenimento di un giusto risarcimento.

Avv. Roberta Scarpellini

Avv. Roberta Scarpellini

L'Avvocato Roberta Scarpellini è specializzata nella negoziazione stragiudiziale e giudiziale per garantire il giusto risarcimento alle vittime di incidenti stradali con lesioni gravi, gravissime e mortali. È anche Presidente dell'Associazione NEVRA, che si focalizza sul riconoscimento medico-legale del danno neuropatico. Lo studio legale Scarpellini offre assistenza completa, dalla valutazione dei danni alla trattativa per il risarcimento, assicurando un'approfondita tutela legale e giuridica per i suoi assistiti.

Facebook
Twitter
LinkedIn

Altri articoli

Forse non lo sai, ma non tutti gli avvocati possono tutelarti dopo un incidente stradale grave. Per essere sicuro di fare la scelta giusta, devi accertarti che il tuo legale abbia la competenza adatta al tuo caso. Innanzitutto, non affidarti...

Il decreto-legge Balduzzi n. 158 del 13 settembre 2012, meglio noto come legge Balduzzi, affronta tra i tanti temi quello della tutela medica e legale soffermandosi ampiamente sul concetto di responsabilità medica, penale e civile, rivisitato poi dalla successiva Legge ...

Contattaci per una consulenza gratuita
Hai riportato lesioni personali gravi o gravissime?
Parlarci del tuo caso. Ti ascoltiamo subito

Compila il form e invia la richiesta. Verrai ricontattato al più presto.
Tutte le informazioni che ci fornirai saranno trattate con la massima riservatezza e quanto più saranno dettagliare tanto più ci permetteranno di darti da subito una consulenza mirata ed efficace.

Fissa un appuntamento telefonico: 02 40031477

Se preferisci chiama dalle 9.00 alle 13.00 o dalle 14.00 alle 18.00, per fissare un appuntamento telefonico.